Sostituzione della centrale termica di una villa per tagliare il costo dell’energia del 55%

Le 2 caldaie a GPL sono state sostituite con una pompa di calore a recupero totale: calcolando il risparmio energetico e la detrazione fiscale, il costo dell’intervento viene recuperato in meno di 4 anni.


Villa Ca’ Miane a Riese Pio X (TV)

Questa magnifica villa del ‘700 situata a metà strada tra Castelfranco Veneto e Asolo nella parte alta della pianura veneta è stata ristrutturata completamente nel 2000 e per il riscaldamento era stata installata una centrale termica tradizionale a servizio di un impianto radiante a pavimento di circa 500 metri quadrati.

Considerando la lunghezza del periodo invernale, che secondo il DPR 412/92 va dal 15 ottobre al 15 maggio, la spesa energetica totale per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria nella stagione 2010/2011 con le 2 caldaie a condensazione a GPL da 35 KW  della Viessman in cascata è stata ritenuta eccessiva a fronte delle nuove tecnologie più efficienti in termini di consumi energetici.

Considerando che già dalle valutazioni progettuali la pompa di calore avrebbe potuto abbattere i costi dell’energia in maniera importante rispetto ai generatori a GPL, si è deciso, l’intervento di sostituzione delle caldaie mantenendo invariato l’impianto radiante a pavimento nei vari locali della villa: il tutto è stato realizzato dalla S.B. Impianti su progetto dello Studiotre Progettazione, entrambi di Castelfranco Veneto, con il supporto operativo del Team Professional della Commerciale Veneta Beltrame sia nella fase di progettazione che in quella esecutiva.


Prima: la centrale termica tradizionale con 2 caldaie a GPL della Viessman in cascata da 35 KW ciscuna. In partenza dalla caldaia si notano il compensatore idraulico, il collettore di distribuzione e le varie diramazioni all’impianto a pavimento della villa.

La nuova centrale termica è costituita da una pompa di calore a recupero totale della Climaplast-Unidelta con potenza utile di 45 KW condensata con acqua di falda con abbinato un volano inerziale da 500 litri e un accumulo combinato per l’acqua calda sanitaria da 800 litri.

Schema
Schema funzionale della nuova centrale termica.

Alla pompa di calore sono collegate 6 tubazioni di cui 3 in uscita e 3 in entrata (andata e ritorno per il circuito dell’acqua di falda, andata e ritorno per il volano inerziale e andata e ritorno per l’accumulo combinato dell’acqua calda sanitaria).

Nuovo impianto
Dopo: il nuovo impianto con la pompa di calore Climaplast-Unidelta, il volano inerziale e l’accumulo combinato per l’acqua calda sanitaria.

Nonostante la spesa complessiva dell’intervento tra materiale, manodopera, allacciamenti elettrici, pratiche per la detrazione e progetto sia stata significativa, si può ipotizzare che, grazie alla detrazione del 55% in 10 anni della quota totale dell’investimento e al risparmio economico ottenuto nella gestione energetica, la spesa venga ammortizzata in meno di 4 anni.

La situazione è decisamente migliorata anche dal punto di vista del risparmio di energia in fonti primarie.


Il garage che ospita il nuovo impianto


Villa Ca’ Miane a Riese Pio X (TV)