Sistemi Radianti

Il sistema di climatizzazione radiante, sia in riscaldamento sia in raffrescamento, è quello che più si avvicina alla fisiologia umana e quindi consente di ottenere ottimi livelli di comfort.

Sono sistemi di riscaldamento che utilizzano il calore proveniente da tubazioni collocate dietro le superfici dell’ambiente da riscaldare.

Rispetto ai tradizionali radiatori, il pavimento radiante ha minori costi di esercizio in quanto è un sistema a bassa temperatura, con tubazioni che lavorano a circa 28-35 °C (nei comuni caloriferi: 70-80 °C). E’ possibile poi collegare l’impianto ad un pannello solare, riducendo ulteriormente i costi del riscaldamento anche tramite l’accoppiando del sistema a una moderna caldaia a condensazione o a una pompa di calore.

Il principio si basa sulla circolazione di acqua calda a bassa temperatura (in genere tra i 30 e i 40 °C) in un circuito chiuso, che si sviluppa coprendo una superficie radiante molto elevata. I sistemi radianti possono essere a pavimento, a parete e a soffitto.

PAVIMENTO
Il sistema viene realizzato inserendo un isolante sopra la soletta portante del pavimento; il materiale più diffuso è il polistirene espanso in lastre, lisce o sagomate, ma sono presenti sul mercato anche la fibra di legno, il sughero, il poliuretano ed altri. Al di sopra dell’isolante vengono posate le tubazioni o i conduttori scaldanti, che vengono annegate completamente nel massetto, generalmente costituito da calcestruzzo. Infine, si ricopre il massetto con il rivestimento finale: solitamente piastrelle, ma anche parquet, linoleum, moquette, ecc.

Il passo di posa del tubo è variabile, anche all’interno dello stesso locale: il progettista può scegliere di infittire i passi laddove è necessaria una maggiore emissione termica, ad esempio vicino alle pareti esterne.

Sistemi radianti - pavimento

PARETE
Questi pannelli radianti vengono installati nelle pareti del locale rivolte verso l’interno: con questo accorgimento si limitano le dispersioni termiche, dal momento in cui sotto le tubazioni vengono inseriti gli isolanti, e vengono annullate o ridotte le differenze di temperatura tra pareti calde e pareti fredde. La superficie occupata dalla parte radiante delle pareti dipende dalla temperatura di progetto ma in genere varia da 1/3 a 1/2 della superficie calpestabile.

La posa dei pannelli radianti a parete è più semplice rispetto a quelli a pavimento, anche se ne ricalca i principi fondamentali. Sopra la parete viene posato l’isolante su cui vengono fissati i tubi, su questi vengono stesi strati di intonaco cementizio che li ricoprono completamente nel caso di un impianto “a umido”. La rete porta intonaco e la realizzazione della finitura superficiale completano l’opera. Nel caso di un impianto “a secco” invece, la serpentina di tubo è già annegata all’interno di un pannello preformato completato da semplici pannelli di tamponamento in cartongesso.

Sistemi radianti - parete

SOFFITTO
I pannelli radianti a soffitto sono in genere costituiti da moduli metallici o in cartongesso di varia forma appesi al soffitto: si tratta di pannelli a vista all’interno dei quali è installato il tubo. Molto più raro è il caso delle tubazioni annegate direttamente nella struttura del solaio.

Sistemi radianti - soffitto

 

TERMOSTRISCE
L’altro tipo di riscaldamento a soffitto è quello delle termostrisce radianti, applicate in ambienti molto estesi e con altezze rilevanti, come magazzini, depositi, capannoni industriali, ecc. Si differenziano dai ‘classici’ pannelli radianti per la loro limitata area superficiale e le alte temperature di esercizio (anche qualche centinaio di gradi).

Sistemi radianti - termostrisce

 

Le principali marche che proponiamo sono:

  • Schutz
  • Ape
  • Sabiana
  • Zehnder