Un impianto solare sul tetto di un bar trattoria per risparmiare ogni anno ben 2 pieni del serbatoio GPL

Considerando il risparmio energetico e la detrazione fiscale, il nuovo impianto si ripaga in poco più di 3 anni.

Impianto solare 1
Bar trattoria “La Sosta” a Musano di Trevignano (TV)

Il bar trattoria “La Sosta” si trova lungo la strada Postumia a Musano di Trevigiano ed è aperto tutto il giorno con 80 coperti a pranzo e 20 a cena. E’ dotato di una caldaia alimentata a gas GPL per il riscaldamento e la produzione dell’acqua calda sanitaria e il GPL è stoccato in un serbatoio esterno nel piazzale con capacità di 1500 litri.

L’impianto solare è stato realizzato dalla ditta Battocchio Impianti, che si è avvalsa della Commerciale Veneta Beltrame per la fornitura di tutto il materiale con il supporto del suo team di Consulenti Professional ed è composto da 7 pannelli e 1000 litri di accumulo, in pre-riscaldo per permettere all’acqua di entrare in caldaia ad una temperatura maggiore rispetto a quella dell’acquedotto favorendo così la riduzione dei costi dell’energia.

I punti di forza di questa tipologia di impianto sono la semplicità esecutiva e la facilità di integrazione nella centrale esistente, senza necessitare di opere che sarebbero risultate dispendiose e invasive.

Impianto solare 2
Particolare della centrale termica: si notano l’accumulo da 1000 litri, la caldaia esistente, i vasi d’espansione, le valvole e le tubazioni.

Impianto solare 3
Schema dell’impianto di preriscaldamento solare per ACS: nell’accumulo viene stoccata l’energia solare e al suo interno un tubo flessibile inox fa da produttore di ACS, alzando la temperatura dell’acqua in ingresso della caldaia.

Oggi sono sufficienti 3/4 carichi all’anno del serbatoio GPL rispetto ai 5/6 di prima, con un risparmio di circa 3.600 euro. L’impianto, comprendendo la fornitura del materiale, i collegamenti idraulici ed elettrici e le pratiche per la detrazione fiscale è costato poco più di 14.000 euro, iva compresa. Tutta la spesa è entrata in detrazione fiscale al 55% in 10 anni.

Considerando il risparmio energetico e la detrazione fiscale, l’impianto si ripaga in poco più di 3 anni: “Siamo molto soddisfatti di questo intervento sul nostro impianto e del supporto che abbiamo avuto” dice il titolare sig. Martignago Beppino, “perché oggi siamo in grado di assicurare il miglior servizio ai nostri clienti con un costo inferiore dell’energia ”.